Ricerche storiche

Ricerche storiche

La rivoluzionaria di professione Teresa Noce

di Sebastiano Saglimbeni

“Gli SS gallonati si dichiararono ufficiali medici. Senza neppure lavarsi le mani, ci fecero distendere su alcuni lettini e ci visitarono, ossia ci guardarono in bocca e nel sesso. Poi ancora a forza di raus e di schnell ci fecero passare in un altro stanzone dove alcune deportate ci fecero distendere ancora una volta e ci rasarono il pube e le ascelle”.

Un tratto, questo, del libro dal titolo “Rivoluzionaria di professione” che Teresa Noce pubblicò nel 1974 a quasi vent’anni dalla deportazione in Germania, nel campo di Ravensbruck, e in Cecoslovacchia, dove era stata assegnata al lavoro forzato in una fabbrica di munizioni. In un altro tratto del libro racconta che le deportate nude in un cortile “per sei ore sotto il sole cocente” vennero di nuovo visitate dai medici che fecero loro “allargare le gambe e, sempre in piedi”, esaminarono il loro sesso “passando dall’una all’altra senza mai lavarsi le mani”. Di conseguenza, una delle giovani francesi internata aveva contratto la sifilide, “pur essendo ancora vergine”.

Foto estratta da https://www.strisciarossa.it/teresa-noce-tra-fedelta-e-ribellione-storia-di-una-comunista-oscurata-dal-pci/

Per approfondire:

I cattolici nel ventennio fascista a Messina

Il Partito Popolare Italiano fu costituito nel febbraio del 1919 ed il 29 dello stesso mese appare sulla “Scintilla”, organo della curia messinese, la notizia della sua nascita; <<con la coscienza di compiere il più alto dei nostri doveri come cittadini italiani e cattolici militanti, diamo la nostra piena adesione al nuovo partito popolare; ciò che oggi è un fatto compiuto, è stata per molti anni la nostra aspirazione più viva>>. Sul periodico “L’attività cattolica di Messina e provincia” edito dalla Nuova Società Operaia di Mutuo Soccorso S. Giuseppe viene pubblicato il programma del P.P.I. nella redazione, tra gli altri, c’era Attilio Salvatore, una delle figure più prestigiose del popolarismo messinese. Il nucleo promotore proveniente dalla vecchia Unione Elettorale Cattolica si muove sula spinta dell’imminenza delle consultazioni elettorali; infatti, il 12 febbraio 1919 si costituisce la sezione comunale del P.P.I per Messina e provincia. La riunione si tiene nello studio dell’avvocato Fortino, ad essa partecipano le rappresentanze dei Circoli Cattolici, Confraternite, consiglieri comunali e provinciali e rappresentanti della “Scintilla” e de “L’Attività Cattolica”.


Un comunista adamantino: Umberto Fiore, e un’intervista del 1974

di Giuseppe Restifo

L’intento non era principalmente di natura scientifica, quanto di natura politica, quando fu fatta l’intervista al sen. Umberto Fiore, il 4 marzo del 1975.
A distanza di quarant’anni forse è giunto il momento di riavviare – stavolta con maggior proponimento scientifico – un procedimento di ri-legittimazione delle talvolta contrastanti esperienze dei comunisti meridionali, consumate a preferenza dentro il Partito (anche quando ne parlavano si sentiva la P maiuscola…).
Deliberatamente allora si ripropone quell’intervista di quarant’anni fa, capace di restituire autorevolezza all’esperienza di un comunista adamantino, come Umberto Fiore. Lo si fa anche “per non dovere intraprendere, generazione dopo generazione, la fatica improba di cominciare ogni volta daccapo, come se fosse la prima volta, sperperando eredità rese irriconoscibili da rifiuti ideologici”1 e ingiustificate indifferenze. Gli smarrimenti dell’inizio del XXI secolo forse sono dovuti anche alla perdita di memoria storica su chi sono stati i nostri padri e i nostri nonni.

Per approfondire:


Il partigiano di Barcellona Pozzo di Gotto Salvatore Maceo

Ricerca effettuata dalla Sezione ANPI Barcellona P.G.

Il partigiano Salvatore Maceo è nato a Barcellona P.G. il 12/09/1920. Maceo partecipa alla II guerra mondiale tra le fila dell’esercito italiano. All’atto dell’armistizio dell’8 Settembre del 1943 si trova presso la XIII Compagnia distaccamento (polveriera) di S. Maurizio D’Opaglio in provincia di Novara (la foto lo riprende a Novara).

In questa fase di grande confusione tolta la divisa dell’esercito decide di raggiungere lo zio Marcello Vasta a Trieste, presso la cui casa rimane fino al luglio del 1944. «Per non presentarsi alla chiamata alle armi bandita dalla repubblica sociale italiana, si arruolava assieme ad altri elementi in una formazione partigiana istriana in località Buio D’Istria, tramite l’opera di reclutamento che facevano alcuni agenti del locale C.L.N.»

Per approfondire:


Sull’epistolario di Francesco Lo Sardo

di Sebastiano Saglimbeni

Il faticoso cammino delle plebi della Sicilia verso il loro riscatto è indissolubilmente legato al suo nome.

L. Valiani

Dobbiamo ricordare in premessa a quanto segue che Francesco Lo Sardo nella chiusa del suo primo Memoriale, redatto nel carcere di “Regina Coeli” nel 1927, dopo un anno di detenzione, conclude: “Noi possiamo intonare, con sicura coscienza, l’orazione Exoriare aliquis nostris ex ossibus ultor” (Sorga dalle mia ossa un vendicatore!) Questo ricorso al verso virgiliano 625 del IV libro dell’Eneide suona come un messaggio e una conseguente rivendicazione della sua giusta causa ideologica e dell’ingiusta, ignominiosa e letale prigione decretata da quel potere fascista imperante. Un vendicatore potremmo considerarci noi: per tutto ciò che abbiamo provato a costruire, riscattando e facendo in qualche modo circolare il pensiero scritto lasciato da Lo Sardo.

Va detto che sino alla seconda metà del 1970 conoscevamo sommariamente la vicenda umana e politica di Lo Sardo. E’ stato un opuscolo, dal titolo La vita, l’opera e il sacrificio d’un comunista Francesco Lo Sardo, pubblicato nel maggio del 1971, a cura della Federazione del PCI di Messina e della Federazione dei Nebrodi, a sollecitarci di curiosità e di interesse storico per il protagonista.

Per approfondire: