Home


Locandina congresso ANPI Comitato Provinciale Messina 4 dicembre 2021


Nasce una nuova sezione dell’Anpi a Raccuja

Nascerà di domenica, e sarà domenica prossima 28 novembre, la nuova sezione dell’Anpi di Raccuja. Nascerà ufficialmente, nella sede della Casa del Lavoratore, alle ore 16. Saranno presenti i responsabili provinciali dell’Associazione dei partigiani e, ovviamente, la riunione sarà aperta a tutti i cittadini (sempre nel rispetto delle regole anti-covid). L’inaugurazione della nuova sezione avviene

Continua a leggere

Filippo Bartolone, un filosofo antifascista

di Marianna Gensabella Fumati Filippo Bartolone nasce a Monforte San Giorgio (Messina) il 23 settembre 1919. Dopo gli studi liceali a Milazzo, s’iscrive alla Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Messina. Negli anni 38/39 fonda a Barcellona (Messina), insieme ad altri studenti universitari, un gruppo antifascista. Espulso dal G.U.F. nel 1942, viene arrestato per attività antifascista

Continua a leggere

Articoli recenti

La “Lettera” di Memoria e Libertà

Nota a cura di Domenico Stimolo

Questa “ Lettera di Memoria e Libertà, in ricorrenza del 25 APRILE – 76° Anniversario della LIBERAZIONE – è interamente dedicata ai partigiani siciliani. In precedenza, nelle edizioni di “Lettera” del 25 aprile 2016- 25 aprile 2018 -25 aprile 2020, sono stati evidenziati i nominativi di 1407 partigiani siciliani.

In questa quarta parte vengono riportati ulteriori 251 nominativi, con i principali riferimenti noti, caratterizzanti ogni singolo combattente per la libertà: luogo e data di nascita, ruolo sociale, mansione e formazione di appartenenza; data, località e dinamica del sacrificio per i caduti; riconoscimenti di valore attribuiti, note peculiari.

Per approfondire:


Visita il sito Noi Parigiani, promosso dall’ANPI Nazionale, che raccogliere testimonianze dei protagonisti della Resistenza.

Chiunque abbia dato il suo contributo, piccolo o grande, alla lotta di Liberazione nei venti terribili mesi che vanno dall’8 settembre 1943 al 25 aprile 1945, merita di essere ricordato con riconoscenza da chi ha avuto la fortuna di nascere in un Paese che trova nella Costituzione repubblicana, per sua natura antifascista, le basi della convivenza democratica.