Home


FESTA DELLA LIBERAZIONE
25 aprile 2022


Il Piave mormorava…da Nervesa a Mariupol

di Franca Sinagra Brisca Nelle piazze di ciascun Comune nel versante tirrenico messinese monumenti celebrano il ricordo dei propri/troppi caduti nella I Guerra, con l’elenco dei nomi di quanti non hanno più voce per raccontare. Spesso vi sono aggiunti anche i nomi dei caduti della Seconda, come si trattasse della fossa comune di un’unica guerra.

Continua a leggere

Commemorando Peppino Impastato

di Sostine Cannata Ancora una volta l’Anpi “Aldo Natoli” di Messina e l’Anpi Provinciale “Mimmo Trapani”, insieme a cittadini, studenti, associazioni e rappresentanti di formazioni politiche e sindacali, hanno commemorato la vittima di mafia Peppino Impastato, nel 44° anniversario del suo barbaro assassinio, avvenuto per mano della mafia e su ordine del suo compaesano e capo

Continua a leggere

In ricordo di Peppino Impastato: 9 maggio 2022

Sono passati 44 anni ma la memoria di Peppino Impastato è viva Rimuovere gli ostacoli alla libera espressione dei diritti e della dignità della persona: così è scritto nella Costituzione e così si mosse Peppino Impastato. L’ostacolo era – ed è – la mafia, che calpesta diritti e dignità. Così a 44 anni dall’assassinio di

Continua a leggere

Articoli recenti

La “Lettera” di Memoria e Libertà

Nota a cura di Domenico Stimolo

Questa “ Lettera di Memoria e Libertà, in ricorrenza del 25 APRILE – 76° Anniversario della LIBERAZIONE – è interamente dedicata ai partigiani siciliani. In precedenza, nelle edizioni di “Lettera” del 25 aprile 2016- 25 aprile 2018 -25 aprile 2020, sono stati evidenziati i nominativi di 1407 partigiani siciliani.

In questa quarta parte vengono riportati ulteriori 251 nominativi, con i principali riferimenti noti, caratterizzanti ogni singolo combattente per la libertà: luogo e data di nascita, ruolo sociale, mansione e formazione di appartenenza; data, località e dinamica del sacrificio per i caduti; riconoscimenti di valore attribuiti, note peculiari.

Per approfondire:


Visita il sito Noi Parigiani, promosso dall’ANPI Nazionale, che raccogliere testimonianze dei protagonisti della Resistenza.

Chiunque abbia dato il suo contributo, piccolo o grande, alla lotta di Liberazione nei venti terribili mesi che vanno dall’8 settembre 1943 al 25 aprile 1945, merita di essere ricordato con riconoscenza da chi ha avuto la fortuna di nascere in un Paese che trova nella Costituzione repubblicana, per sua natura antifascista, le basi della convivenza democratica.