Home


Giornata mondiale della pace
1° Gennaio 2023


Scritto per un convegno sull’emigrazione a Limina

Nulla terra exilium est sed altera patria. (Seneca) di Sebastiano Saglimbeni Ritengo rilevante, come incipit di questo mio scritto, la citazione di un brevissimo tratto di storia a firma di Denis Mack Smith. Questo famoso storico scrive, fra l’altro, sulla questione meridionale e sull’emigrazione in Storia d’Italia 1861-1958 che “i primi emigranti erano stati viaggiatori…

Shoah – Olocausto

di Felice Scalia Facciamo memoria oggi di qualcosa che viene ritenuta del tutto inedita, unica, non comparabile con altre persecuzioni inflitte a popolazioni inerme e disperse. Gli interrogativi che la Shoah ha suscitato sono tanti. Come è stato possibile che questo succedesse? Che senso ha quell’avvenimento per la storia dell’umanità? Chi era a conoscenza ed…

Angelo Pegoraro In Memoria

di Sebastiano Saglimbeni “Ogni terra vorrebbe i vostri nomi di forza, di pudore,non per memoria, ma per i giorni che striscianotardi di storia, rapidi di macchine di sangue”. Versi, questi, della poesia che il Premio Nobel Salvatore Quasimodo scrisse per i sette fratelli Cervi torturati e dopo fucilati dai feroci fascisti il 28 dicembre del 1943.…

Articoli recenti

La “Lettera” di Memoria e Libertà

Nota a cura di Domenico Stimolo

Questa “ Lettera di Memoria e Libertà, in ricorrenza del 25 APRILE – 76° Anniversario della LIBERAZIONE – è interamente dedicata ai partigiani siciliani. In precedenza, nelle edizioni di “Lettera” del 25 aprile 2016- 25 aprile 2018 -25 aprile 2020, sono stati evidenziati i nominativi di 1407 partigiani siciliani.

In questa quarta parte vengono riportati ulteriori 251 nominativi, con i principali riferimenti noti, caratterizzanti ogni singolo combattente per la libertà: luogo e data di nascita, ruolo sociale, mansione e formazione di appartenenza; data, località e dinamica del sacrificio per i caduti; riconoscimenti di valore attribuiti, note peculiari.

Per approfondire:


Visita il sito Noi Parigiani, promosso dall’ANPI Nazionale, che raccogliere testimonianze dei protagonisti della Resistenza.

Chiunque abbia dato il suo contributo, piccolo o grande, alla lotta di Liberazione nei venti terribili mesi che vanno dall’8 settembre 1943 al 25 aprile 1945, merita di essere ricordato con riconoscenza da chi ha avuto la fortuna di nascere in un Paese che trova nella Costituzione repubblicana, per sua natura antifascista, le basi della convivenza democratica.